domenica 10 novembre 2019

Napoli: declinazioni babà

Sono una scorpionaccia e a fine ottobre ho compiuto gli anni, anzi stavolta peggio del solito, si trattava della chiusura di un decennio. Malgrado le perle di saggezza che ti inviano gli amici sull'invecchiamento, nessuna voglia di torta e candeline, vade retro il tempo che inesorabile avanza, altro che festeggiarlo. Un viaggio però si, questo è un regalo che mi piace sempre e me lo sono fatto, tagliando la corda alla grande per due settimane. Prese in considerazioni diverse ipotesi, anche mete lontane, per fortuna ho ascoltato il cuore che mi suggeriva  Napoli, città attraversata più volte ma sempre di sfuggita, un giorno, due giorni, un mordi e fuggi di passaggio,  immeritatamente solo tappa intermedia di vacanze su altri lidi. Stavolta proprio Napoli che lei da sola vale il viaggio, Napoli e basta con l'aggiunta di Pompei, la reggia di Caserta e Pozzuoli, irrinunciabili mete dietro l'angolo.


A differenza di Woody Allen e tanti altri campo benissimo anche senza rivedere Venezia tutti gli anni, non ho conosciuto il mal d'Africa e non mi è mai venuta nemmeno la nostalgia dell'India anche se ci sono stata tre volte, ma quella "smania 'e turnà" di cui parlano il rimpianto Luciano de Crescenzo e Alessandro Siani nel libro "Napolitudine" (Mondadori marzo 2019) scritto a 4 mani e che ho letto giusto prima di partire, la intuisco bene, un sentimento nuovo che ora attanaglia pure me. A rischio di apparire banale e scontata confesso senza pudore di essermi  innamorata di Napoli  e dei napoletani e quando si è innamorati magari ci si incazza ma si perdona tutto, si accettano le luci e le ombre, le miserie e gli splendori, il tripudio barocco di regge e chiese e le mille contraddizioni, persino la  "munnizza" raccolta solo in parte.

In questi giorni napoletani ho raccolto molto materiale che condividerò con entusiasmo nei prossimi post, ma per rompere il ghiaccio con le mie note partenopee ho pensato al babà e alle sue molteplici declinazioni di cui l'altrettanto famosa sfogliatella è sprovvista.  In genere non mangio dolci e tanto meno, da astemia, se inzuppati nel rhum, ma come non rendere omaggio al babà, un simbolo, un'istituzione più che un dolce che fa mostra di se in ogni pasticceria che si rispetti? Mini, grande, gigante, liscio o farcito poco importa purché sia babà; se non ne avessi scritto credo che il babà si sarebbe offeso a morte e i napoletani pure. Il babà  è stato fonte di ispirazione per innumerevoli poesie,  "mamma e babà" , a quanto pare, le prime "parulelle" dei neonati che la cicogna sbarca a Napoli.

                                                 “Mamma” è ‘a primma parulella
                                                   ca riuscimmo a pronunzià.
                                                   Ma ‘a siconda è assai chiù bella;
                                                   Papà, babbo? No: babà.
‘                                                 O babà nasce polacco,
                                                  nuje l’avimme migliorate.
                                                  Sì, ce piaceno ‘nu sacco
                                                  chisti dolce lievitate
                                                  inzuppate dint’o rrumme,
                                                  fatte a form’e fungetiello.
                                                  I che gusto, e che prufumme!
                                                 Né babà, quanto si’ bello!







Nessun commento:

Posta un commento