lunedì 27 agosto 2012

La vie en douce

 Decisamente  questa è l'estate delle gole, non eroticamente profonde come titolava quel film degli anni 70 che suscitò grande scandalo, ma paesaggisticamente stupende. A inizio vacanze les Gorges du Verdon e ora, a fine estate  les Gorges du Loup.
 La prima tappa della giornata fuori porta è l'antica Gourdon, fortificata in seguito  alle invasioni saracene del 700 e 800, soprannominata Nido d'Aquila per quei suoi 760 metri di altezza e malgrado la sinistra omonimia non siamo a Berchtesgaden nelle Alpi bavaresi, ma sulla Costa Azzurra, poco distante da Grasse. I dépliant turistici, forse esagerando, lo definiscono uno dei più belli villaggi di Francia, affacciato com'è "in solitario" davanti alla verdeggiante Vallée du Loup e a  tutte le montagne ricoperte di macchia mediterranea; la piazza Victoria offre uno sguardo privilegiato per svariati chilometri di costa fino al mare.


In puro stile provinciale, l'antico castello feodale eretto sulla base di una prima fortezza del IX° secolo, non è più visitabile; è di proprietà privata e gli arredi d'epoca sono stati tutti venduti all'asta. Non più libero nemmeno l'accesso ai suoi giardini a terrazza disegnati dal grande Le Notre, il paesaggista di Versailles, solo per gruppi e su prenotazione. Peccato!
Un borgo veramente minuscolo, troppi turisti, troppi ristoranti,  troppi negozi di profumi, essenze, oli, miele, lavanda, oggetti di vetro fatti a Taiwan, saponi, tutti concentrati in quei pochi  vicoli del borgo.



Come sempre angoli preziosi di bellezza e poesia si lasciano scoprire:  un dipinto che ha la finestra come cornice, bottiglie colorate,  un gatto bianco che si stiracchia sul davanzale della finestra, un albero ombroso fra le pietre delle case, la  chiesa romanica del XII° secolo, bellissima nella sua austera semplicità, con un San Vincenzo ligneo dai pomelli rossi.
Nel percorso tortuoso e affascinante da Gourdon a Tourrettes sur Loup ci si addentra nelle gole. Assolutamente imperdibile , le Saut du loup, stupendo punto panoramico con il suo ponte tra cascate, rocce e farfalle e la "grande marmite" erosione geologica del fiume Loup formatasi nel terziario e quaternario. 
Infine l'affascinante Tourrettes sur Loup, il villaggio della violetta "Victoria" coltivata da ottobre a marzo e proposta in mille varianti: fiore per i bouquet, fiore cristallizzato come caramella, gelato, marmellata, sciroppo, la foglia recisa destinata all'industria profumiera della vicina Grasse. A fine raccolta, a marzo, Tourrettes sur Loup celebra con una grande festa questo romantico fiore. 
Tourrettes mi piace perché è segreta. Dalla strada provinciale non si vede nulla, solo la solita pigra piazza dei villaggi del sud; bisogna entrare dalle sue due porte laterali per scoprire la sua originale ricchezza architettonica articolata intorno a un'arteria centrale a forma di mezzaluna. Negli anni 50 il borgo era molto di moda, luogo d'incontro privilegiato di musicisti, pittori, scrittori, poeti, il grande Prévert vi amava soggiornare. -Quanto ce la siamo spassata- mi racconta un vecchio signore di origine calabrese con cui chiacchiero al bar- incredibile allora l'atmosfera di festa, e quanti pétards, ci siamo fatti- dove pétard sta per "spinelli" e qui, a quanto pare, di "erba" ne circolava tanta.

Bellissimo e curatissimo come sempre in tutte le città grandi e piccole dei nostri cugini d'oltralpe, il Municipio, fiero simbolo per eccellenza della "grandeur" francese. Il castello-municipio di Tourrettes apre le sue porte a numerose manifestazioni culturali, come l'esposizione pittorica del momento.

Anche a Tourrettes non mancano atelier d'artisti e d'artigiani, ma con discrezione e misura. Mi attira il nome di un negozio "La vie en douce" espressione impossibile da tradurre letteralmente in italiano; propongo "con leggerezza, semplicemente la vita"  e il concetto mi piace molto.

Nessun commento:

Posta un commento